Profile image
By Center for a Stateless Society
Contributor profile | More stories
Story Views

Now:
Last Hour:
Last 24 Hours:
Total:

Quando la Compassione è Terrorismo

Friday, February 17, 2017 5:13
% of readers think this story is Fact. Add your two cents.

(Before It's News)

I diritti degli animali dopo l’undici settembre

[Di Chad Nelson. Originale pubblicato su Center for a Stateless Society il 3 maggio 2016 con il titolo When Compassion is Terrorism: Animal Rights in a Post-9/11 World. Traduzione di Enrico Sanna.]

Viviamo in un mondo malato in cui Joseph Buddenberg e Nicole Kissane, due amanti dei più deboli, devono lottare semplicemente per aver avuto il coraggio di agire con compassione. In un mondo in cui la giustizia è un bene scarso, perché sorprendersi quando antiterroristi come Buddenberg e la Kissane sono etichettati come terroristi?

Presto Buddenberg sconterà una condanna a due anni, patteggiata per evitare il processo, con l’accusa di aver violato la Animal Enterprise Terrorism Act (AETA). Anche la Kissane ha accettato il patteggiamento e sarà processata a giugno. Da notare che, come accade solitamente quando si è accusati sulla base di questa legge, ai due imputati è stato offerto un alleggerimento della pena in cambio della delazione. Avendo rifiutato, meritano l’elogio. Il loro rifiuto di cooperare permetterà ad altri come loro di continuare a salvare la vita altrui rischiando la propria.

Cosa hanno fatto per meritare il marchio disonorante di terroristi? Hanno semplicemente salvato la vita a migliaia di animali imprigionati e seviziati. Invece di aspettare la riforma verso una “economia dal volto umano”, che migliori le condizioni degli animali in cattività e riduca i metodi barbari di macellazione (riforme comunque meritevoli, secondo me), Buddenberg e la Kissane hanno preso la scorciatoia: hanno liberato i reclusi e lasciato un messaggio ai carcerieri. Hanno danneggiato o distrutto la loro proprietà come avvertimento e per assicurarsi che non venisse più usata come arma di distruzione di massa.

Tra i liberati c’erano visoni stipati in piccole gabbie orribili in attesa della morte. Presto li avrebbero gasati, folgorati, avvelenati, o uccisi con un colpo al collo, per poi essere scuoiati; tutto perché alcune persone possano usare la loro pelliccia per la loro vanità. In quello che sarebbe un loro comunicato, Buddenberg e la Kissane descrivono a tinte vive la liberazione di uno di questi animali: “La timidezza iniziale [del visone] si è subito trasformata in una cacofonia di squittii, capriole, giochi allegri e nuotate nel torrente che scorre proprio dietro la proprietà dei Moyle. Vivranno la loro nuova vita lungo le rive dello Snake River.” A rendere agrodolce la vittoria dei due è però l’accusa.

L’AETA è stata approvata nel clima febbrile post-undici settembre su richiesta dell’industria che sfrutta gli animali. Attenti a non sprecare l’occasione fornita dalla crisi, gli sfruttatori hanno pompato milioni verso il Congresso perché approvasse una legge che considera terroristi quelli che si oppongono a loro. Molti costituzionalisti ritengono incostituzionale l’AETA (come molto probabilmente è), ma ciò ha poca importanza in casi come questo.

Per i due, e per i tanti attivisti che riconoscono la profonda corruzione dello stato americano e di tutte le sue leggi marce e immorali, la costituzione non ha autorità, per citare l’abolizionista e avvocato ottocentesco Lysander Spooner. Serve solo a combattere le proprie battaglie o a difendersi dentro il sistema, dove ha la sua validità. Nessuna battaglia legale può avere l’impatto che ha l’azione diretta di queste due persone coraggiose. Il loro gesto spingerà tanti altri a fare lo stesso, e ogni atto eroico contribuirà a distruggere l’industria dello sfruttamento animale.

Articolo citato in:

• Chad Nelson, Two Heroes Off to Prison, North American Animal Liberation Press Office, 3 maggio 2016

• Chad Nelson, When Compassion is Terrorism: Animal Rights in a Post-9/11 World, Counterpunch, 5 maggio 2016

The Center for a Stateless Society (www.c4ss.org) is a media center working to build awareness of the market anarchist alternative



Source: https://c4ss.org/content/47938

Report abuse

Comments

Your Comments
Question   Razz  Sad   Evil  Exclaim  Smile  Redface  Biggrin  Surprised  Eek   Confused   Cool  LOL   Mad   Twisted  Rolleyes   Wink  Idea  Arrow  Neutral  Cry   Mr. Green

Top Stories
Recent Stories
 

Featured

 

Top Global

 

Top Alternative

Register

Newsletter

Email this story
Email this story

If you really want to ban this commenter, please write down the reason:

If you really want to disable all recommended stories, click on OK button. After that, you will be redirect to your options page.